La Pitiriasi Rosea di Gibert: la guida completa per la diagnosi e la terapia

Di: 
Alessandro Martella

 

La micosi cutanea è la malattia con la quale viene quasi sempre confusa e come tale viene trattata con antimicotici topici da applicare su tutto il corpo oppure da assumere per bocca per alcune settimane.

La Pitiriasi Rosea di Gibert, descritta come roseola anulata per la prima volta nel 1798 dal dermatologo inglese Robert Willan e poi definita tale alla fine del 1860 dal dermatologo parigino Camille Melchiorre Gibert, sebbene, nella sua forma più classica presenti una morfologia molto caratteristica, spesso non viene correttamente diagnosticata.

Di seguito, le indicazioni cliniche per sospettarla e rivolgersi al dermatologo per una conferma.

Prima di tutto, la Pitiriasi Rosea di Gibert si manifesta principalmente nella fascia d'età tra i 10 e i 35 anni. E' più frequente in primavera ed in autunno e sempre in questo periodo è comune il riscontro di epidemie.

Quest'ultimo aspetto dipende dall'origine virale della malattia. In particolare, sebbene i dati della letteratura non sono unanimi per quanto riguarda l'ipotesi virale alcuni autori puntato il dito nei confronti del virus HHV6 o del HHV7 (human herpes virus 6 o 7).

Più esattamente la Pitiriasi Rosea di Gibert sarebbe la conseguenza di tale infezione virale che dapprima, localizzandosi alle alte vie respiratorie, potrebbe causare un mal di gola o un episodio simil influenzale anche di modesta entità, oppure un disturbo gastro-intestinale se, invece, dell'apparato respiratorio si localizza a livello digerente.

Successivamente, terminata al fase acuta di tali manifestazioni appena descritta, dopo 2-4 settimane compaiono delle tipiche chiazze sulla pelle.

Pertanto, prima di procedere con la descrizione delle manifestazioni cutanee, sottolineo che un soggetto con Pitiriasi Rosea di Gibert non è infettivo mentre lo era solo quando nelle settimane precedenti presentava ad esempio il mal di gola.

Chiazza madre

Inizialmente, compare un'unica e grande lesione, chiamata anche chiazza madre o medaglione o plaque initiale di Brocq di forma arrotondata, ovale e il cui diametro può variare dai 2 ai 10 cm. Si presenta ben delimitata con il margine è di colore rosa mentre il centro è più chiaro chiaro quasi dello stesso colore della pelle sana.

Chiazza madre di Pitiriasi Rosea di Gibert

Tutta la superficie cutanea della chiazza madre presenta un aspetto sgualcito, zigrinato.

Osservando attentamente il bordo della lesione è possibile notare un collaretto caratterizzato da una fine desquamazione. Questo particolare collaretto desquamativo è aderente alla periferia della chiazza mentre presenta un bordo libero verso il centro della lesione stessa.

Generalmente, la chiazza madre si localizza al tronco, al collo oppure in prossimità delle radici degli arti.

Eruzione secondaria

Successivamente, dopo 7-20 giorni dalla comparsa della chiazza madre compaiono in successione tante altre chiazze morfologicamente simili tra loro e alla chiazza madre stessa ma di dimensioni più piccole. Si manifestano simmetricamente al tronco, dove possono assumere una particolare distribuzione ad albero di Natale o a baldacchino, oppure al collo.

Eruzione secondaria

La Pitiriasi Rosea di Gibert quasi mai interessa il volto. Il numero delle lesioni tipiche dell'eruzione secondaria varia da soggetto a soggetto da poche a molte decine.

Terminata la comparsa di tali lesioni nell'arco di alcuni giorni o settimane la Pitiriasi Rosea di Gibert inizia a regredire, risolvendosi spontaneamente nell'arco di 3-6 settimane senza lasciare alcun esito sulla pelle.

Varianti cliniche

Esistono diverse varianti cliniche della malattia caratterizzate ad esempio dall'assenza della chiazza madre oppure da un'eruzione secondaria che interessa anche il viso, le ascelle o l'inguine. Inoltre, alcune di queste varianti possono associarsi a specifiche alterazioni ungueali quali il pittingo le linee di Beau oppure a particolari manifestazioni asintomatiche localizzare al cavo orale:

  • punteggiature purpuriche
  • chiazze ricoperte da induito grigiastro
  • anelli eritematosi
  • placca isolata di grandi dimensioni

La variabilità clinica può essere tale per cui a volte si può verificare anche la comparsa contemporaneamente della chiazza madre e dell'eruzione secondaria oppure altre volte prima dell'eruzione secondaria e poi, dopo alcune settimane, della chiazza madre.

Sintomatologia

Di solito è presente prurito la cui intensità è direttamente proporzionale alla desquamazione delle chiazze e generalmente compare solo durante la fase di regressione della malattia.

Terapia

E' buona norma usare idratanti e detergenti non aggressivi per la pelle per ridurre al minimo la desquamazione e di conseguenza la comparsa del prurito che quando presente deve trattato con anti-istaminici per evitare che il soggetto grattandosi infetti le lesioni favorendo la comparsa di un'impetigine.

A volte, soprattutto nei bambini può essere utile il talco mentolato per lenire il prurito.

Infine è sconsigliato assolutamente la somministrazione di cortisonici per via sistemica perché possono aggravare il quadro clinico della patologia che si manifesta una volta sola nella vita.

 

Commenti

buongiorno,
dopo un mal di gola infinito,mi e'comparsa una macchia di circa 3 cm di diametro sulla gamba e altre piu'piccole sottobraccio e sulle coscie. Il dottore mi ha diagnosticato la pitiriasi, ma e'normale che abbia ancora una sensazione di secchezza alla gola? Tutto e' iniziato circa un mese fa e le macchie sono comparse circa una settimana fa.
Ringrazio per la risposta

Sabry, 

per la secchezza alla gola credo sia il caso che chiedessi un parere al collega Otorino per capire esattamente questo sintomo a cosa è dovuto esattamente. 

Spero che la PRG guarica al più presto

 

Buonasera dottore!
Mi chiamo Laura e ho 32 anni. Ho avuto la pitiriasi due anni fa (febbraio 2013), probabile conseguenza di stress notevole in quel periodo. In quattro settimane, tra antistaminici per sopportàre il prurito e detergenti indicati, si è risolta completamente.
Le scrivo perché in questi giorni mi sono comparse alcune chiazze eritematose nel tronco. Non sono tantissime e attualmente non prudono. Non sono riuscita a spiegarmi l'origine, ma poi ho notato che una macchia situata tra le mammelle (e che ricordo avere da più tempo) sembra desquamare.
Il primo pensiero è stato:la pitiriasi!
Sapevo però che viene una volta sola, quindi mi sono chiesta se fosse mai possibile.
Eppure ha caratteristiche molto simili a due anni fa e al momento di fattori predisponenti ne ho a bizzeffe: scarso riposo, stress (sono mamma da quasi tre mesi e allatto al seno in maniera esclusiva) e mal di gola che mi trascino da un po'.
Secondo ,si potrebbe essere un "ritorno di fiamma"?
La ringrazio per la sua cortese attenzione

Laura, 

è possibile che un soggetto che abbia già avuto in passato la Pitiriasi Rosea possa tornare ad averla una seconda volta e magari una terza. Non è una novità. Nel tuo caso però questa seconda manifestazione mi sembra si tratti di un'autodiagnosi o sbaglio?

Perché se così fosse potrebbe tranquillamente essere una patologia differente simile alla PRG

 

In effetti al momento è un'auto diagnosi perché le altre macchie sono comparse sabato mattina e aspetto che il mio dermatologo mi riceva per avere la diagnosi corretta. L'unica premura era comprendere se potesse essere una cosa contagiosa o problematica, dato che ho una bimba di due mesi e mezzo e l'allatto al seno e non vorrei trasmetterle nulla.
Grazie mille per il suo parere

Laura, 

le sue domande sono legittime. La PRG non è contagiosa ma prima di tutto è necessaria una diagnosi di conferma della patologia

Buonasera,
Da ciò che legho credo mia moglie abbia questa forma. Ha 42 anni. È iniziata con 4 figli e si stanno propagando per le gambe. No prurito. Da vs foto sono proprio tsle presenze dulla pella. Ora sono 2 mesi ma nn scompare. Tutto è iniziato dopo aver terminato vura antibiotica agumentic. Ovviamente andremo dermatologo ma volevo avere un suo parere. Grazie

Max, 

cisono alcune aspetti che non mi tornano: 

- la durata di due mesi senza risoluzione

- l'assenza di prurito

Potrebbe non trattarsi della Pitiriasi Rosea di Gibert, motivo per cui è indicata la consulenza dermatologica

Buonasera Dottore mi chiamo rosario circa un mese fa le ho scritto per la pitiriasi rosea su quasi tutto il corpo, mani e viso ho ascoltato il suo consiglio e per scongiurare altro ho fatto numererò lì analisi ematiche i risultati non hanno evidenziato nulla nessuna infezione ves regolare emocromo nella norma insomma tutto nei regolari parametri. A distanza di circa quattro mesi la situazione in generale e migliorata ma rimangono macchie sulle mani e gambe. Mi sono recato da diversi dermatologi i quli mi hanno detto cose diverse alcuni hanno confermato la pitiriasi che successivamente si è trasformata in psoriasi (questo e' possibile?) Altri mi hanno detto che queste macchie non sono pitiriasi nemmeno psoriasi ma eritema. Il viso mi è stato diagnosticato una eritrosi ma sinceramente non credo che sia così non sono presuntuoso ma... Ma è secco squamato e con piccole macchie. Mi hanno dato del cortisone esattamente clobasol 4 giorni a settimana per 2 mesi le macchie ci sono ancora sulle mani si squamano e cambiano colore quando lavo le mani, sulle gambi ci sono sono di colore rosso sul marrone e si squamano (diverse dall'origine hanno cambiato colore) cosa devo fare secondo Lei ?? Vivo a napoli a chi mi devo rivolgere? Chi mi ha visitato ne sono non credo che siano medici brami ma ogni uno di l'aro con tesi diverse tranne uno che con coscienza mi ha detto dopo circa un'ora di visita che non sapava di cosa si trattasse e non ha voluto la visita. Mi dia un consiglio saluti e grazie

 

Rosario,

mi spiace per il suo problema che ancora non riesce a risolvere. Leggendo la sua storia emergerebbero diverse patologie diverse tra loro e tutto ciò mi sembra alquanto strano. E se fosse, invece, un'unica patologia? Una stessa condizione che magari simula la Pitiriasi rosea ma non lo è? 

Ha fatto diverse indagini e va bene ma siamo sicuri che siamo quellle esatte? 

Forse il tutto si potrebbe risolvere con una biopsia cutanea.  Ribadisco la nevessità di fare nuovamente il punto della situazione.

 

 

Buonasera Dott.Martella,
il 15 di ottobre 2014 mi e' comparsa una macchia rossa rotonda,di circa 1cm di diametrro con bordo lievemente increspato ,sull'avambraccio interno sinistro.Non le ho dato tanta importanza perche',in quanto asmatica ed atopica,l'ho battezzata come dermatite.Dopo quattro o cinque giorni ne e' comparsa un'altra molto simile,se non identica,sull'avambraccio interno destro...quasi nello stesso posto. Dopo altri cinque giorni,il 24 do ottobre,giusto al termine di una camminata sulla spiaggia,mi si e' riempito l'avambraccio esterno destro di una moltitudine di macchie rosse in rilievo,molto piu' piccole delle precedenti.Dopo qualche giorno la stessa cosa e' comparsa sull'avambraccio esterno sinistro(dove comparve la prima macchia).Qualche giorno dopo sono comparse piccole macchie nel collo e su entrambi i lati del viso Il tutto con la presenza di,piu' che prurito,bruciore.Sono andata dal dermatologo il quale ha detto che,a suo avviso,era una dermatite estesa e mi ha ordinato crema cortisonica ed antistaminico. Al spalmare la crema sulle chiazze mi sono resa conto che queste non miglioravano anzi,peggioravano.Cercando su internet ho notato che i miei sintomi corris`pondevano perfettamente con quelli della pitiriasi..quindi ho fatto esattamente quello che si doveva fare:lasciarla stare ed aspettare che passasse da sola. Il punto e' che dalle braccia ora e' passata principalmente al collo ed al volto,le macchie prima sono rossissime poi nell'arco di una settimana scompaiono per poi apparire di nuovo in altri posti ma sempre nelle stesse zone.Volevo chiederle se e' possibile che la malattia impieghi piu' di tre mesi per risolversi(il 15 gennaio saranno 3 mesi da quando e' apparsa la "chiazza madre)e che cosa mi consiglia lei da mettere sul volto perche' i sintomi siano piu' accettabili. La ringrazio moltissimo anticipatamente. Maria

Maria, 

anche i suoi sintomi fanno pensare ad una Pitiriasi Rosea di Gibert non significa necessariamente che effettivamente si tratta di questa malattia. Se il suo dermatologo ha formulato una diagnosi differente avrà avuto buoni motivi. 

Sottolineo che sono diverse le malattie apparentemente simili tra loro ma completamente differenti tra loro

Salve, circa 10 giorni fa sono venuta a contatto con tanta polvere e dopo qualche minuto ho iniziato ad avere forte prurito al braccio. Nei giorni successivi ho avuto prurito e grattando ho fatto uscire sicuramente del sangue perchè c'erano piccole crosticine. Da circa 5 giorni ho notato delle macchie rosse sullo stesso braccio: una più grande e altre 2 più piccole. Sono macchie rosse e in rilievo nei contorni mentre all'interno la pelle è come screpolata e colore simile alla pelle sana. A volte ho prurito ma la maggior parte delle volte no.
Adesso sto vedendo comparire una piccola puntina rossa sempre nel braccio.
Potrebbe trattarsi di pitiriasi?

Federica, 

non credo! Potrebbe trattarsi invece di una dermatite allergica da contatto o di una dermatite irritativa da contatto. 

Hai già consultato un dermatologo?

Ancora non sono andata dal dermatologo purtroppo. Le ho fatte vedere dalla mia dottoressa di base e mi ha detto che sono funghi. Mi ha prescritto una crema, Decoderm, da applicare due volte al giorno.
Il rilievo di cui parlavo è scomparso, adesso sono piatte.. ma le macchie rosse rimangono sempre (io le vedo meno rosse), la parte centrale della macchia è più chiara e dove c'è la macchia la pelle è come raggrinzita. Prurito non ne ho.

Federica, 

con tutto il rispetto per il tuo medico di famiglia chiedi tranquilamente un consulto al tuo dermatologo di fiducia per una conferma

Salve.
È da un po' di tempo, circa un mese e mezzo, che mi è comparsa una macchia molto simile a quella in foto sul dorso della mano destra.
Inoltre, dallo stesso periodo, soffro di doloretti nella parte destra dell'intestino che vanno dalla base del fegato verso il basso.
Ho fatto dei controlli sia dermatologici che gastroenterologi e mi dicono che le cose non sono direttamente interessate.
Fatto sta che il dermatologo non mi ha dato nessuna risposta su quello che potrei avere...
Sono in attesa di risultati di esami del sangue.
Non so come mostrarLe una foto della mano.
Auguri e grazie.

Michele, 

se il dermatologo non le ha saputo dire di cosa si tratta deduco che non ha quindi una diagnosi. In qiesti casi una foto non è sufficiente perchè è sempre inicata una valutazione specialistica per formulare una diagnosi

Salve, da una settimana ho questa macchia su una coscia.
https://drive.google.com/file/d/0B7E67clzJMihV0lvOWprYVJEVWM/view?usp=sh...
Mostrandola al mio medico di base mi ha detto che era una macchia madre e di trattarla con Elocon Crema 0.1%.
Stasera mi è iniziato un prurito fortissimo sulla macchia e un po' meno forte in molte altre parti del corpo, dove però non ho ancora altre macchie.
E' PRG? Quindi posso solo idratare, talco mentolato e aspettare 6 settimane?
Grazie!

Il mio personale consiglio è sempre quello di consultare un dermatologo per una diagnosi di certezza senza nulla togliere alla professionalità del medico di famiglia. 

Spesso le manifestazioni di diverse patologie possono essere molto simili tra loro e solo un dermatologo ha la competenza per formulare una corretta diagnosi differenziale. 

Ti ringrazio per la fiducia ma non sono in grado di diagnosticare tramite una foto il tuo problema di pelle. 

Buonasera dottore mi hanno diagnosticato la PRG il 10 ottobre a tutt'oggi e presente sul viso e sulle gambe mani e preti intime mentre sul tronco e regredita ma la pelle e secca secchissima a forma di sigaretta con chiazze biancastre il viso e secchissimo con chiazze sul volto e vicino gli occhi quanto tempo durerà cosa posso fare e normale sul viso sembro un'anziano pieno di rughe sul viso e fronte. Grazie della gentile risposta.

Rosario, 

tutto è possibile ma una manifestazione così estesa e localizzata in tutte le parti del corpo che hai descritto spero non sia altro. 

Di sicuro per la seccehezza dovresti applicare un idratante mentre le macchie chiare forse è necessario aspettare che si repigmentino lentamente con il passare delle settimane

Buongiorno, circa un paio di settimane fa è comparsa una macchia rosa scura di circa 2,5 cm sulla pancia, che mi ha dato prurito per un paio di giorni, poi è stata asintomatica. Dopo circa 7 giorni però, vedendo che non scompariva, mi sono rivolta al medico il quale mi ha prescritto lamisil spray. Dopo ulteriori tre giorni però sono comparse sulla pancia delle macchioline rosse purulente, che si sono nei giorni successivi irradiate (a partire dalla chiazza principale) su tutta la pancia, sui fianchi, sul seno e un po' anche sulla schiena. MI sono rivolta ancora al medico, il quale ha quindi diagnosticaqto la ptiriasi rosea di gibert, affermando che passerà da sola in qualche settimana.
La mia domanda è questa: oramai sono 6 giorni che ho forti pruriti nelle svariate zone del torace, e non sembrano diminuire... Da oggi, su consiglio del dottore, inizierò a prendere una volta al giorno Robilas, sperando mi passi il forte prurito, posso fare altro? In quanto tempo noterò i primi miglioramente dopo l'assunzione dell'antistaminico? Posso continuare ad andare in palestra o è meglio sospendere?
Grazie per i consigli

leggendo il post sulla Pitiriasi Rosea e magari anche i commenti potrai comprendere che i tempi per una risoluzione del problema sono lunghi anche diverse settimane 4-6 settimane. 

Oltre all'antistaminico viene di norma consigliato anche un trattamento idratante da applicare su tutto il corpo. 

Infine, nessun problema a frequentare la palestra

Egr. Dottore
a fine agosto ho sofferto di un forte mal di gola, curato con antibiotico
A distanza di due mesi mi sono comparse sul tronco macchioline rosse, senza però la chiazza madre
Ho preso un antistaminico per 1 settimana (sotto controllo medico, oggi è l'ultimo giorno)
Ora sono alla 2 settimana e le macchie non sembrano regredire
Potrebbe trattarsi comunque di Pitiriasi Rosea anche se non è presente la chiazza madre?
Grazie per la cortese risposta che vorrà darmi.

Elena, 

la chiazza madre può non manifestarsi non è una novità così come il tempo necessario per una risoluzione completa, generalmente superiore alle 4 settimane

Salve dottore, sono una ragazza di 33 anni e da oltre un mese ho beccato (secondo il dermatologo) la pitiriasi rosea,dapprima in viso e poi sugli arti, su una scapola, in testa e sul pube. A causa del troppo prurito non mi sono trattenuta dal grattarmi ed il dermatologo mi ha dato cure per l'impetigine (Aranda e Altargo). Fatte le cure mi ha dato anche un cicatrizzante, Epiactiv, ma dopo un iniziale miglioramento in viso mi sono rimaste chiazze violacee, che non vanno via e sulle braccia ho continuamente prurito. Può darmi gentilmente qualche consiglio per contrastare sia le macchie in viso che il prurito? La ringrazio anticipatamente.

pitiriasi rosea, impetigine, cicatrizzanti, macchie viole... uhm qualcosa non mi torna. 

Posso capire l'impetigine come complicanza di una Pitiriasi rosea ma non il resto. Forse sarebeb opoortuno rivedere la diagnosi o quanto meno chiedere maggiori spiegazioni al suo specilista che ha avuto modo di visitarla

Salve! mio marito è da 17 gg che ha le chiazze su tutto il dorso inguine e cuoio capelluto e collo braccia piedi e sembra ke a fine ottobre abbia sofferto di diarrea!!! niente mal di gola o influenza e mi chiedo se lui mi avesse contagiato fra quanto dovrei vedere i sintomi della malattia? ?? abbiamo una figlia di 2 anni, corre rischi??? la prego mi risponda!!! grazieee mille

Gloria, 

non necessariamente suo marito potrebbe aver trasmesso la patologia a voi altri. Starei molto tranquillo anche percché anche se ciòà si fosse verificato si tratta di un infezione molto semplice e per nulla grave che facilmente si risolve

Gentilmente Dottore a mia figlia hanno diagnosticato questa pitiriasi rosea, però ho molti dubbi in quanto il tutto è iniziato circa un mese fa con alcune piccole macchie simili a punture di insetto sopra il piede, partivano a metà fra alluce e indice e proseguivano fino a circa metà piede come una strisica, poi dalla dermatologa che l'ha visitata la situazione è cambiata è interessato tutto il pide dx e le dita con queste macchie bianche che si desquamano ma la macchia madre io non la vedo..... potrebbe essere qualcosa altro,? le macchie come le ripeto sono solo nel piede.......... non si possono fare delle analisi del sangue per capire se c'è un infezione in atto di qualcosa? mia figlia non presente nessun sintomo di mal di gola, o altro, ed ha 12 anni.
grazie
cordiali saluti

Federica, 

strano ma non impossibile che la PRG si localizzi solo sul piede. Di sicuro non servono delle indagini del sangue per confermare PRG piuttosto data l'insolita manifestazione di questa PRG poteva essere  opportuno indagare per escludere altre manifestazioni dermatologiche. Spero che nel frattempop il tutto si sia risolto

Da circa due mesi soffri di una dermatite molto fastidiosa localizzata originariamente alle gambe alle cosce, alla zona lombosacrale e pubica come primo step. Le lesioni si presentano piccole, tipo papule e pomfi, a volte in tumefazione, pruriginose, poi si estendono, a volte con un "aureola" molto iperemica che va sul rosso vivo. A seguito di un trattamento cortisonico a crema diminuiscono per poi ricomparire. Due dermatologi: il primo dice che è tutto scaturito da una puntura d'insetto e mi prescrive cortisonici sistemici e a pomata con antimicotico, antibiotici e antistaminici, il secondo mi parla di una variante della Pitiriasi di Gilbert ( manca la chiazza madre), quindi su base virale (infettiva) e mi prescrive degli antistaminici. Sulla zona lombare e pubica sono sparite, vanno e vengono alle gambe e ora è presente una eruzione sul collo. Chiederei consigli. Grazie

Dario, 

immagino il disagiuo e mi spiace. Leggendo la tua storia e il decorso delle manifestazioni potrebbe non trattarsi nè dell'una nè dell'altra patologia descritta. Anche in questo la semplice osservazione clinica potrebbe non essere sufficiente e magari sarebbe opportuno avviare delle indagini mirate solo dopo un'appronfodita visita specialistica

Buona sera dottore, le scrivo per chiederel informazioni in merito alla PRG, la quale mi è stata diagnosticata diversi mesi fa, precisamente a Maggio di quest'anno. Da allora mi sono sottoposto a due visite specialistiche, nella prima i medici non furono in grado di "riconoscere" i sintomi in cui la PRG si era manifestata principalmente sul tronco ed in prossimità delle ascelle, mi vennero quindi prescritti dei farmaci a base di cortisone i quali nell'arco di 15gg circa contribuirono a farmi guarire. Dopo 10gg circa iniziarono a ricomparire le chiazze in un numero maggiore sulle natiche, sulle gambe e vicino alle ascelle, decisi quindi di sottopormi ad una seconda visita specialistica dove finalmente mi fu diagnosticata la PRG. Il dottore mi consigliò l'uso di sponi poco aggressivi e di creme idratanti affermando che nel giro di qualche settimana sarebbe tutto passato. In realtà le macchie sono scomparse circa 10/15 gg fa, se non fosse che sono nuovamente pieno di macchie..... A questo punto la prego mi aiuti, non so veramente piu cosa fare!!! Ma realmente non esiste nient'altro che possa fare al difuori di saponi e creme? Grazie mille per avermi prestato attenzione e spero possa aiutarmi, buona serata!

Caro Emanuele, 

qualcosa non mi torna perché è molto strano che la PRG duri da maggio a novembre per più di 5 mesi!

Credo sia necesaria una valutazione dermatologica più approfondita della sua situazione per indagare meglio il suo problema

Buona sera dottore come prima cosa la ringrazio per la risposta è per il tempo che mi ha dedicato, le chiedo un ultimo consiglio..... in che modo posso "indagare" sul mio problema dato che le macchie erano sparite diversi giorni dopo averle scritto salvo poi ricomparire nuovamente.... ed ora sono da capo!!!! Come le dicevo se potesse consigliarmi degli esami a cui sottopormi, o magari degli specialisti a cui rivolgermi in toscana (zona Firenze) o nel lazio ( zona Viterbo / Roma ) in quanto piacerebbe anche a me sapere di cosa si tratta. La ringrazio infinitamente ed aspetto speranzoso una sua risposta!

Emanuele, 

ti ringrazio per la fiducia ma non posso consigliarti delle indagini senza conoscere neanche il tuo problema o meglio senza avere avuto modo di visitarti. Il consiglio pratico  è di consultare un dermatologo nel momento in cui sono presenti le macchie sulla pelle in modo tale da capire esattamente o per lo meno ipotizzare le cause da approfondire

Buonasera dottor Alessandro, ho girato vari siti e lei mi sembra uno di quelli con piu' esperienza, per caso ogni tanto fa visite anche a Roma? Da 3 settimane ho una macchia rosa di 4cm in alto al braccio e da 3 giorni sono comparse le altre 3 (una oggi), un po' in ritardo rispetto alla norma. In contemporanea ho avuto mal di schiena, dopo aver sollevato 70chili (che ancora non passa), stanchezza, febbretta a 37gradi (di solito ho 35.5), diarrea frequente,un problema intimo,non so se hpv(domani prendo i risultati), una settimana fa mal di gola e bronchite che sembra essere gia' passata. Ora ho anche la disidrosi sulle dita,che mi viene ogni anno appena inizia a far caldo. Dimenticavo che quest anno per la prima volta ho anche fatto tantissimi sternuti,quindi forse allergia primaverile. Insomma mi e' venuto tutto insieme nell'arco di 1-2mesi, non vorrei andare da un dottore che non riesce a correlare tutti questi sintomi..chi mi consiglia a Roma che forse riesce a dirmi che problema-problemi ho? La ringrazio in anticipo

Salve! Anch'io nell'autunno dello scorso anno ho avuto la pitiriasi rosea di gilbert e sono guarita nel giro di un mese, ma dopo nove mesi ho ancora delle macchie bianche sulla pancia e sulle braccia. Spariranno da sole o è il caso di applicare una crema specifica? Grazie in anticipo!

Ho la pitiriasi da un mese. La fase acuta e passata e non ho più prurito. Solo che adesso la pelle mi brucia ed è proprio come se avessi avuto scottature:si è ispessita e raggrinzita a mò di vecchio. È normale? E soprattutto. .. passerà? ? mettendo crema base essex per idratare ma non sembra migliorare.
Grazie

Pitiriasi rosea..gentile dottore vorrei sapere se durante la terapia posso andare al mare..
GRAZIE

@mininno massimo
certo nessuna controindicazione assoluta!

@antonella,
probabilmente questo ritardo diagnostico e inutile trattamento non sarebbe successo se il consulto fosse stato rivolto ad un dermatologo. Ad ogni moo per il prurito oltre all'antistaminico è utile idratare la pelle e usare detergenti non aggressivi e schiumogeni

@ema,
dalla tua descrizione non è possibile formulare nessuna ipotesi. Meglio un consulto dermatologico

@Slvia,
è solo un caso

@Chiara,
le macchie con il tempo inizieranno a dequamare e a schiarirsi al centro

@rosanna,
ininfluente

@Veronica
nessun problema per quanto riguarda l'esposizione al sole. Non condivido invece, quella delle lampade per le conseguenze per quanto riguarda il rischio i tumori cutanei

@sabrina,
non credo proprio. Hai chiesto il consulto di un dermatologo?

@Arianna
grazie per i complimenti e mi spiace ma non esercito a Roma e/o dintorni

@Francesca,
il tutto dovrebbe autorisolversi.

@Michela,
è necessaria un pò di pazienza per la risoluzione completa del problema

Buongiorno, ma non è possibile contrarla due volte?
grazie

Saluti

@claudio,
si certo non è una novità!

Sono un pò preoccupata, come mai spesso si associano le macchie della pitiriasi alla sifilide? quale è il nesso?
Io ho un bambino di 7 anni e la sua pediatra gli ha diagnosticato la pitiriasi. Da quello che leggo difficilmente viene prima di una decina di anni. E' possibile che lui l'abbia già contratta? Eppure deve essere per forza pitiriasi perchè le caratteristiche sono quelle. Io poi me la ricordo perchè l'ho avuta, ma appunto ero un pò più grande, circa 13 anni. Mi preoccupa questo particolare dell'età, potete darmi una risposta. Grazie mille!

@maria gigliola
prima di tutto sarebbe opportuno che fosse visto da un dermatologo perché è facile confondere la PRG con altre patologie. Poi per quanto riguarda la sifilide non c' è nessun nesso ma si tratta solo di una possibile diagnosi differenziale perché le patologie possono entrambe mimare aspetti clinici molto simili tra loro

Eccoci qua, dopo 2 settimane , visita col medico di base , pronto soccorso e dermatologo ci siamo: pitiriasi rosea di Gilbert...
Le macchie nell'arco di una settimana si sono estese a tutto il corpo, per il momento viso e piedi sono salvi,Il prurito è davvero feroce ed insopportabile!
Mi chiedo quando finirà di prudere , non posso pensare di stare così per 6-8 settimane!!!!
Solidarietà a tutti !!!
;)

Buongiorno, anche io ho la pitiriasi rosea di Gilbert che mi si è manifestata sul tronco ,sul collo, sulle braccia, sulla schiena e su tutto il viso...ormai sono passate quasi 3 settimane dalla comparsa della chiazza madre e 1 da quando mi sono comparse tutte le altre chiazze sul corpo però non ho notato nessun miglioramento! Prendo l'antistaminico e idrato la pelle però fra 19 giorni inizia la scuola e sinceramente mi vergogno moltissimo ad andarci con la faccia piena di tante piccole chiazze rosse ...quindi volevo chiedere fra quanto tempo la malattia inizierà a regredire? E poi esiste qualcosa che me la faccia passare più velocemente? GRAZIE

Aggiungi un commento